TANTI PER TUTTI

Viaggio nel volontariato italiano

PROGETTO FOTOGRAFICO NAZIONALE

 

Il progetto proposto è la realizzazione di un documento fotografico che vuole indagare il mondo del volontariato in Italia, ovvero tutte quelle attività che sono supporto al vivere contemporaneo e che si occupano di assistenza sociale, salute, organizzazioni del tempo libero, cultura e sport, protezione civile, educazione e ricerca, ambiente, tutela dei diritti, cooperazione e solidarietà internazionale.

L’attività fotografica si propone di rappresentare le diverse realtà di volontariato nelle regioni italiane mostrando le iniziative, i luoghi di incontro, le fasi progettuali e la realizzazione delle attività promosse dall’esercito di volontari del nostro Paese, supportati e sorretti dai più diversi interessi e da differenti motivazioni, ma tutti uniti nella precisa volontà di partecipazione e di solidarietà che fa di una cittadinanza una collettività civile.

Nell’articolo Volontariato e servizi al volontariato in alcuni paesi europei Guido Memo rileva che le istituzioni di volontariato in Europa, come in tutto il mondo economicamente più sviluppato, hanno conosciuto una crescita rilevante negli ultimi trent’anni.

E’ una crescita che però non ha riguardato tutte le strutture tradizionali senza fini di lucro (strutture ecclesiastiche, sindacati, partiti), ma si è concentrata soprattutto sull’associazionismo, sulla cooperazione con finalità sociali e in parte sulle fondazioni. E’ un fenomeno segnato dallo sviluppo di nuove forme di cittadinanza attiva e di sussidiarietà, dalla nascita di un rapporto collaborativo tra cittadini e istituzioni.

L’attività di volontariato è la presenza prestata in modo personale, spontaneo e gratuito, tramite l’organizzazione di cui il volontario fa parte, senza fini di lucro anche indiretto ed esclusivamente per fini di solidarietà. Il volontariato è oggi una componente strutturale del panorama sociale del Paese, sia in riferimento alle persone che operano con gratuità e solidarietà (i due requisiti tipici e distintivi del volontariato) sia per numero di organizzazioni attive.

I volontari, che operano con diversa frequenza, sia individualmente sia all’interno di organizzazioni e di istituzioni, sono stimati essere, in Italia, in quasi 5 milioni (ISTAT 2011) e rappresentano circa l’8 per cento della popolazione ultra14enne.

L’esperienza del volontariato, nelle sue peculiari caratteristiche di impegno continuativo e gratuito, a favore di persone non appartenenti alla propria cerchia di relazioni ordinarie, amicali o familiari, per fini culturali, di solidarietà e di promozione, è una delle più significative componenti della vita sociale, un’occasione di novità e di crescita, che spinge a indirizzare i propri stili, personali e familiari, di vita quotidiana scrivendo pagine nuove nella cultura e nella società.

La Repubblica Italiana riconosce il valore sociale e la funzione delle attività di volontariato come espressione di partecipazione, solidarietà e pluralismo. Ne promuove lo sviluppo salvaguardandone l’autonomia e ne favorisce il contributo originale agli obiettivi sociali, civili e culturali definiti dallo Stato e gli enti locali.

Al 31 dicembre 2011 le organizzazioni di volontariato attive in Italia erano oltre 300.000 con un incremento del 28% rispetto al 2001.  Dal punto di vista geografico il numero di associazioni è cresciuto di più al Nord e nel Centro Italia. Ma occorre sottolineare che anche nel meridione esistono regioni, Basilicata e Molise, caratterizzate da un aumento del numero delle associazioni (+41,5 per la prima; +35% per la seconda) superiore alla media nazionale (+28%).

Le istituzioni che utilizzano volontari sono più attive nei settori della cultura e dello sport (65% del totale degli enti), seguito dall’assistenza sociale (25mila istituzioni), dalle relazioni sindacali e di rappresentanza (16mila realtà) dall’istruzione e dalla ricerca (15mila istituzioni).

Riteniamo che questo mondo necessiti di attenzione e debba essere espressa tutta la sua potenzialità non solamente collegata all’assistenza ma anche intesa alla crescita culturale, alla formazione espressiva e alla capacità aggregativa che opera sul benessere della persona e sulla consapevolezza dei molteplici ruoli che possono essere assunti dal singolo in ogni fase della sua vita.

Come detto è oggetto della ricerca la narrazione della vita delle Associazioni di volontariato (di qualsiasi tipo si tratti: amici dell’arte, assistenza ai disabili, gruppi di teatro, musicisti, squadre sportive, astrofili, scout, trekking, amanti dei viaggi e circoli fotografici), descrivendo i luoghi di incontro, la programmazione delle attività, la loro realizzazione. Descrivere l’attività di un’associazione significa lavorare sul territorio, scoprirne le potenzialità e le necessità, indagare lo spazio pubblico, il senso della comunità, scoprire il rapportarsi della vita del volontario con la vita lavorativa, individuare tempi e modi di un vivere completo che prevede spazi dedicati a sé stessi e spazi strettamente relazionati alle esigenze degli altri.

Ogni lavoro fotografico che intendiamo raccogliere sarà composto da una serie di immagini che l’autore riterrà esaustive nel descrivere dell’attività/associazione/volontario scelti: un modo per entrare dentro alle molteplici passioni e alle motivazioni di reciproca assistenza che costituiscono la parte forse migliore del nostro Paese. E senz’altro la parte migliore di noi stessi.

CHI PUO’ PARTECIPARE

Possono partecipare al progetto nazionale tutti i fotografi (amatoriali e professionisti) d’Italia, in forma singola, in forma associata attraverso i circoli di appartenenza (circoli iscritti FIAF) o in gruppi auto costituiti (tutti i componenti del gruppo debbono essere iscritti FIAF).

La partecipazione è gratuita per tutti i soci FIAF iscritti nel 2015 (soci junior, ordinari, sonic, aggregati, etc.).

E’ possibile la partecipazione per i singoli autori che non siano iscritti FIAF a fronte del pagamento di una quota di iscrizione pari a €. 20.00 per cadauno partecipante al progetto. Inoltre, per chi non fosse stato MAI iscritto FIAF la Federazione prevede la possibilità di un’iscrizione a prezzo ridotto (in luogo della quota di iscrizione al progetto) pari a €. 35,00. Detta quota straordinaria darà diritto, a partire dal momento dell’iscrizione e per la restante parte dell’anno, a tutti i benefici concessi ai soci.

E’ prevista un’Iscrizione obbligatoria al progetto entro il 30 ottobre 2015. Questo permetterà all’organizzazione centrale di meglio dimensionare gli interventi gestionali ed organizzativi fino al completamento del progetto. L’iscrizione va fatta utilizzando l’apposito modulo.

 SCARICA QUI IL VOLANTINO 

INFO COMPLETE: http://fiaf.net/tantipertutti/

TUTOR CIRCOLO: Roberto ROGNONI – rognoberto@gmail.com

pieghevole a4 2