SERATA CON L’AUTORE E VISITA GUIDATA ALLA MOSTRA

CASCINA ROMA – GIOVEDI’ 30 MAGGIO – ORE 20:45

L’Ucraina e la Siria vengono percepiti come luoghi lontani e gli eventi epocali che li stanno attraversando sembrano non riguardarci da vicino.

Attraverso gli scatti e i racconti di Giorgio Bianchi, fotoreporter professionista romano, è possibile scoprire quanto in realtà queste vicende ci tocchino da vicino, anzi possano essere interpretate come un monito a non abbassare mai la guardia e a vigilare sulla tenuta delle istituzioni.

Le immagini di Giorgio Bianchi documentano la resistenza quotidiana dei protagonisti invisibili della Storia, civili e militari,  raccontando come sia possibile sopravvivere al dissolversi delle proprie certezze, quando eventi catastrofici come le guerre intaccano profondamente il tessuto sociale, mettendo a rischio il futuro.

 

 

Giorgio Bianchi (Biografia)

Giorgio Bianchi è un fotoreporter, documentarista e filmmaker italiano nato nel 1973.
Ha realizzato reportage in Europa, Siria, Ucraina, Burkina Faso, Vietnam, Myanmar, Nepal, India.
Nella sua fotografia Giorgio ha sempre posto particolare attenzione alle tematiche di carattere politico e antropologico, alternando i progetti personali a lungo termine ai lavori su commissione.


Dal 2013 ha compiuto diversi viaggi in Ucraina per documentarne attraverso immagini e video la crisi, a partire dagli scontri di Euromaidan fino all’odierno conflitto nel Donbass.
Con il materiale raccolto negli anni sulla guerra civile in Ucraina sta realizzando un docu-film dal titolo “Apocalypse Donbass”, che è stato selezionato tra i progetti finalisti nell’edizione 2017 dei DIG Awards pitch session.


Dal 2016 ha iniziato ad occuparsi del conflitto siriano.


Il lavoro di Giorgio ha ricevuto numerosi riconoscimenti nazionali e internazionali e viene pubblicato regolarmente su riviste e giornali sia cartacei che online. Le sue immagini sono state esposte sia in Italia che all’estero. Giorgio Bianchi è attualmente rappresentato da Witness Image.


Principali mostre: Festival of Ethical Photography 2017 (Lodi), Strand Gallery (London), Royal Geographical Society (London), MIBAC (Rome), A.F.I. Archivio Fotografico Italiano Palazzo Cicogna (Varese), La Fabbrica del Vapore (Milan), C40 Mayors Summit (Mexico City), Beijing Photo 2017.


Principali pubblicazioni: Guardian Magazine, National Geographic, Internazionale Magazine, La Stampa, Il Giornale, Il Venerdì, La Repubblica, Il Fatto Quotidiano, Il Manifesto, Sette Magazine Corriere della Sera, Gente di Fotografia Magazine, Fotografia Reflex Magazine e molte altre gallerie on line.


Ha ricevuto i seguenti premi: Best New Talent nel 2014 al PX3 competition, overall winner at the 2014 Terry O’ Neill Award, Discovery of the year at the 2014 Monochrome Award, vincitore nel 2015 al Lugano Photo Days finalista nel 2014, 2015, 2016 al Manuel Rivera-Ortiz Foundation for Documentary Photography & Film, Grant e vincitore al Umbria World Fest 016, selezionato per il 2015 Prix Pictet, Top Finalist al 2016 Visura Photojournalism Grant, Finalista al LensCulture Exposure awards/17, Finalista ai DIG Awards 2017 (Pitch session) con il docufilm Apocalypse Donbass, vincitore dell’edizione 2017 del World Report Award, finalista al POYi 75th, 1st place winner at the 2018 Moscow International Foto Awards.