Milano e dintorni in bianco nero

Per questa serata soci, il nostro socio Cesare Maiandi ha la possibilità di presentare uno slide show di alcune fotografie scattate precedentemente al covid.

Qui di seguito ci fornisce una breve presentazione:

Perché Milano e dintorni :

Perché è la città dove sono nato e vissuto per 35 anni, ultimamente risiedo a San Donato Milanese, ed è una città che a volte non sopporto, ma che ogni qual volta mi allontano mi fa venire la voglia di ritornarci.

E i dintorni perché, penso, nei pressi di Milano ci siano posti fotograficamente interessanti.

Perché il bianco e nero:

Perché credo che le grandi città e sopratutto Milano siano in bianco e nero e perché il bianco e nero mi piace.

I rudimenti di camera oscura li ho appresi ad un corso pomeridiano alle medie: il prof. di lettere era un appassionato di fotografia ed essendo una media sperimentale riuscì ad inserire questo corso facoltativo al pomeriggio.

Si scattava con delle Kodak donate alla scuola, macchinette di plastica con un tempo fisso ed una levetta che regolava il diaframma:

Sole, mezzo sole e nuvoloso.

Poi solo dopo alcuni anni, iniziato a lavorare, ho acquistato la mia prima macchina fotografica ed con un amico si allestiva la camera oscura in bagno di casa sua. Durò poco perché si impiegava di più ad oscurare il bagno e preparare il necessario che lo sviluppo e stampa delle foto.

Però il bianco e nero è rimasta la mia passione.

Cosi dato che mi piace camminare, nel tempo libero gironzolando qua e là, senza un progetto in testa, porto a spasso la macchina fotografica e scatto immagini che mi colpiscono.